LORENZA GHINELLI IN CINQUINA ALLO STREGA

UN ROMANZO CHE DÀ VOCE, CON UNA LINGUA PREZIOSA, MA AL TEMPO STESSO GRAFFIANTE E DIRETTA, AL DOLORE DELL’INFANZIA IGNORATO DAL MONDO ADULTO, MA CHE INVITA ANCHE A ESPLORARE, CON LA FANTASIA LE POSSIBILITÀ DI RISCATTO E DI RINASCITA.

Estefan nasconde un macabro ricordo d’infanzia che lo perseguita. Forse si è macchiato di un crimine atroce, oppure è vittima di una memoria bugiarda, che distorce la realtà.

Ma nella realtà, qual è la colpa per cui sua madre e suo padre hanno smesso di amarlo?

Anche Martino, il suo migliore amico, custodisce un segreto, una verità spaventosa che nessuno deve conoscere. Il male che condividono li ha resi complici. Il male che condividono li ha uniti in un legame fortissimo. Non si confidano, chiusi in un silenzio che saranno costretti a infrangere solo quando il passato li minaccerà di tornare. Finché un giorno la strada di Estefan si incrocia con quella di Greta, unabambina di appena nove anni che ha perso entrambi i genitori. Cresciuta in campagna, circondata da una decadente periferia industriale, vive come prigioniera nella casa del nonno. Il loro incontro, figlio dell’ennesimo episodio violento, sarà il primo passo verso la redenzione.

La colpa è un romanzo graffiante e diretto che parla del dolore dell’infanzia ignorato dal mondo adulto e della possibilità di riscattarsi, nonostante tutto.

Leave a Reply

Your e-mail address will not be published.